Quali organi possono essere trapiantati: il pancreas e le isole pancreatiche2018-07-14T11:34:11+00:00

All’altezza dell’ansa duodenale e della prima vertebra lombare è posto il pancreas, una grossa ghiandola di forma allungata e leggermente curva dal peso di circa 70 grammi. Il compito del pancreas è duplice: produce e riversa nel tubo digerente enzimi che servono per scindere le proteine, la caseina e gli amidi; immette nel sangue un importantissimo ormone, l’insulina. Se il pancreas non funziona o funziona male, il danno più grave è una malattia chiamata diabete, che può essere mortale. Senza insulina l’organismo non riesce ad utilizzare gli zuccheri: deve essere fornita allora continuamente o bisogna effettuare il trapianto del pancreas.

La maggior parte dei pazienti sofferenti di diabete ad insorgenza giovanile può raggiungere uno standard di vita quasi normale mediante un attento controllo della dieta ed iniezioni di insulina. Alcuni di essi, tuttavia, sviluppano complicazioni che possono arrivare a cecità ed insufficienza renale. L’attuale esperienza pratica offre buone ragioni per affermare che il trapianto di pancreas o delle sole isole pancreatiche adeguatamente funzionanti, può permettere un buon controllo del metabolismo glucidico.

Trapianto di isole pancreatiche

Nei pazienti affetti da diabete mellito è possibile il trapianto delle isole pancreatiche: queste sono le cellule (organizzate in gruppi) che producono l’insulina. Il trapianto viene eseguito in radiologia mediante l’infusione di isole pancreatiche nella vena porta dopo che esse sono state prelevate e centrifugate per essere così pronte per il trapianto.